Progetti in corso

I ragazzi non sono più quelli di una volta: per loro il contatto umano è essenziale

Parte il nuovo progetto della Casa delle Culture, sostenuto dalla Fondazione di Modena, rivolto a giovan* tra i 15 e i 25 anni dal titolo: “I RAGAZZI NON SONO PIÙ QUELLI DI UNA VOLTA: per loro il contatto umano è essenziale”. Obiettivi primari del progetto sono:

  • L’aggregazione dei giovan*;
  • La formazione di nuove relazioni;
  • La creazione di occasioni in cui i ragazzi possano aprirsi, parlare e confrontarsi con i coetanei, e organizzare autonomamente e liberamente attività e iniziative.

Il progetto, che è iniziato il 2/05/2023 e che terminerà il 24/12/2024, ha un’anima duplice: da un lato un percorso più leggero, fatto di musica, arte e bellezza; dall’altro un percorso di approfondimento e introspezione.

I giovani potranno partecipare a un laboratorio musicale, a un laboratorio di disegno, a un percorso sui pregiudizi, alla creazione di un podcast. Potranno anche scoprire il volontariato giovanile in Africa declinato al femminile e alcune lingue delle diaspore presenti a Modena.

L'arte non ha confini 2024 - 2a edizione

Anche quest’anno è in partenza il concorso a premi gratuito di illustrazione e fumetto rivolto a:

  • Scuola primaria
  • Scuola secondaria di 1° grado
  • Giovani appassionati

Cliccando sul link per maggiori informazioni e per scaricare gli allegati contenenti le storie.

Le Doule

Il progetto prevede incontri presso il domicilio della neo mamma, gratuiti per la famiglia, di aiuto pratico, sostegno, ascolto nelle prime fasi della maternità. La Doula (madre assistente qualificata) affianca la neo mamma nelle fasi più delicate della maternità, nella gestione del carico fisico, psichico ed emotivo che normalmente investe le neo madri.

Per informazioni chiamaci al numero 388 247 3964

Interviste allo specchio

Abbiamo voluto tentare la ricostruzione delle narrazioni che ci hanno visto coinvolti tutti, accomunati dalle difficoltà e dalle paure che la pandemia ha portato. Venti persone – italiani, modenesi all’estero, stranieri o italiani di origine straniera residenti in Italia – sono state scelte e intervistate per sottolineare il fluttuare identitario, tanto noto negli studi interculturali e ancora più evidente ai tempi del lockdown. Da queste narrazioni, che si ripetevano da una videochiamata a un’altra trascendendo fusi orari e continenti, sta nascendo un podcast.